Come fotografare i fuochi d’artificio

Come fotografare i fuochi d’artificio

Per fotografare i fuochi d’artificio, soggetti particolarmente complessi da immortalare perché sempre in movimento e sempre in notturna, è necessario mettere in pratica piccoli accorgimenti, indispensabili per ottenere un buon risultato, non solo per quello che riguarda la buona qualità dell’immagine, con la luce giusta e un effetto nitido, ma anche per quanto concerne la giusta messa a fuoco.

Fotografia e fuochi d’artificio

Ecco allora quali sono tutti gli aspetti da tenere in considerazione, soprattutto se con l’obiettivo siete alle prime armi, e qualche trucco prezioso da mettere in pratica per un risultato di grande impatto estetico e di buona qualità.

  • Scegliere la postazione più idonea. È la prima azione da mettere in pratica. È importante scegliere dove posizionarsi, in piedi o seduti, a seconda dell’evento pirotecnico a cui partecipate, per scattare le fotografie in base alle angolature preferite.
  • Studiare la giusta esposizione. È necessario dal momento che i fuochi d’artificio si compongono di colori e forme diverse, luci sullo sfondo e fumo di scena compresi.
  • Impostare la messa a fuoco. È necessario programmare la messa a fuoco senza affidarsi all’impostazione automatica, impossibile da gestire in situazioni di buio e scarsa luminosità.
  • Organizzare il primo piano e gli elementi secondari. Dividere lo spazio della fotografia, analizzando quali sono gli elementi che compariranno in primo piano e quelli che saranno invece secondari, è indispensabile per la buona riuscita dello scatto. 
  • Utilizzare un treppiede. È lo strumento che garantisce maggiore stabilità durante gli scatti e averne uno può sempre essere utile.
  • Munirsi di una torcia elettrica Avere sempre con sé una torcia elettrica è una mossa astuta: potrebbe servirvi all’occorrenza per riempire eventuali lacune d’ombra.
  • Disattivare il flash. I fuochi d’artificio sono abbastanza luminosi e il flash, che in questo caso vi servirà a ben poco, inficerebbe il risultato finale.
  • Utilizzare aperture piccole. Impostate il diaframma tra f 5.6 e f 16, considerato il valore ideale.
  • Disattivare eventuali filtri è necessario per la buona riuscita della fotografia.
  • Utilizzare il mirino per mettere a fuoco l’azione prima di immortalare l’immagine che desiderate catturare.
  • Tenere l’otturatore aperto, per non causare sovraesposizione, e considerare che, per ottenere un’immagine che sia più nitida possibile, è indispensabile che niente venga a contatto con la fotocamera durante l’esposizione.
  • Non puntare mai la fotocamera verso una sorgente luminosa. Il rischio è quello di ottenere immagini sottoesposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *