Come fotografare la pioggia

Come fotografare la pioggia

Fotografare durante una giornata di sole è di sicuro facile e gratificante, ma cosa c’è di più romantico e suggestivo di una bella giornata di pioggia? Non rinunciate al vostro hobby preferito a causa di qualche goccia d’acqua, e approfittate dell’occasione per realizzare qualche scatto originale! Eccovi dunque pochi, semplici suggerimenti che vi permetteranno, però, di ottenere ottime foto anche nelle condizioni climatiche peggiori per un fotografo, prima tra tutte la pioggia.

  1. Fatevi coraggio, non vorrete rimanere in casa e scattare foto dalla finestra, vero? Indossate una buona giacca impermeabile, le scarpe che ritenete più adatta e sfidate il tempo inclemente. Se volete diventare ottimi fotografi non dovete fermarvi di fronte alle prime difficoltà, e nel caso peggiore rimedierete un semplice raffreddore. Tanto lo sapete che quello viene comunque, anche se rimanete al caldo e all’asciutto!
  2. Usate il treppiedi. Considerando che le condizioni in cui vi troverete a scattare non saranno delle più comode, e magari avrete una mano impegnata dall’ombrello, la soluzione migliore è fissare la vostra fotocamera su un cavalletto. Eviterete foto mosse, e soprattutto che la macchina possa cadervi, scivolando dalle mani bagnate. Sarebbe terribile.
  3. Assicuratevi di proteggere la fotocamera dall’acqua. Potete tranquillamente evitare ci comprare attrezzatura professionale impermeabile, soprattutto se non siete soliti scattare all’aperto in caso di pioggia: un semplice, ampio foglio di cellophane può andare bene, avendo l’accortezza, ovviamente, di lasciare libera la parte frontale dell’obiettivo. Economico ed efficacie!
  4. Scattate tutte le foto che volete. Siate creativi, soprattutto se state usando una fotocamera digitale e avete una scheda di memoria capiente. Non avrete la preoccupazione di sprecare pellicola, e non vi pentirete di aver trascurato qualche inquadratura! Vi suggeriamo di aprire molto il diaframma, in modo da ottenere uno sfondo sfocato quando mettete a fuoco le gocce d’acqua in primo piano. Il risultato che otterrete sarà di sicuro effetto; non abbiate timore di tenere bassi gli ISO, andranno bene anche valori tra 100 e 400.
  5. Tornate a casa e condividete! Una volta scattate tutte le fotografie che avete ritenuto interessanti tornate pure al calduccio, vi siete meritati un tè caldo! Non dimenticate però i vostri scatti nella scheda di memoria: salvate tutto sul computer, scegliete le foto migliori e condividetele con gli amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *