De MEYER, Barone Adolf Gayne

De MEYER, Barone Adolf Gayne

Adolf Gayne de Meyer

A volte i fotografi degni di nota vengono dimenticati. De Meyer è uno dei personaggi che non figura molto spesso tra l’ elenco di quelli che sono considerati dei veri e propri pionieri, ma che, durante quegli anni ebbe un’influenza significativa nel campo della fotografia.

Il suo vero nome era De Meyer Watson, un uomo ricco che fu eletto Barone Adolf Gayne de Meyer dal Re di Sassonia e che, risiedeva a Londra con la sua moglie.

De Meyer fu influenzato da Stieglitz, ma il suo lavoro prima lavoro è da considerare piuttosto banale. Successivamente la sua fotografia cambiò in modo improvviso, poiché cominciò a sperimentare la messa a fuoco leggera e le lenti a retro-illuminazione, e riuscì attraverso ciò a produrre delle immagini davvero belle.

Una ventina delle sue fotografie sono state riprodotte nell’opera “quarterly Camera Work”. Altre sue fotografie più memorabili includono una splendida collezione sul famoso Nijinsky durante uno dei suoi ruoli più famosi.

Le tecniche di illuminazione di De Meyer, hanno avuto un influenza sulle prime tecniche utilizzate nel cinema. Tuttavia, dopo essere passato da un editore a altro, tornando poi al primo (Vogue), venne respinto e decise di emigrare in California, dove morì in assoluta povertà. Il necrologio del “Los Angeles Times” fu tristemente di poche righe e non menzionò alcuna sua fotografia.

( 1868 / 1946 )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *