Fare un timelapse con After Effects

Fare un timelapse con After Effects

In questo articolo vedremo insieme come usare il programma di postproduzione Adobe After Effects per ottenere un video time-lapse partendo dagli scatti realizzati con la vostra macchina fotografica.  

Come fare un time-lapse con After Effects

Per prima cosa saltiamo gli step preliminari, confidando nel fatto che abbiate già letto i nostri articoli specifici e sappiate come fare. Avrete quindi importato le immagini RAW in Lightroom e le avrete post prodotte salvando poi i dati; eventualmente le avrete anche sottoposte alla lavorazione di LRTimeLapse o similari. È quindi il momento di aprire After Effects.

Dopo aver cliccato su “Create a new composition” dovete impostare i valori di risoluzione e di frame-rate del video che avete intenzione di produrre: selezionate ad esempio HDTV 1080, 25 fps e scegliete la durata che desiderate per il vostro filmato. Un minuto abbondante rappresenta una durata generalmente adeguata.

A questo punto dovrete importare la vostra sequenza di immagini RAW: digitate Ctrl+i oppure Cmd+i, quindi selezionate il primo fotogramma della vostra sequenza time-lapse e mettete la spunta nella casella con la scritta “Camera raw sequence”.

La schermata che vi troverete davanti è quella di Camera RAW, nella quale potrete modificare i vostri scatti: qualora abbiate usato LightRoom o LRTimeLapse (o similari) per post produrre le immagini questo siginifica che avrete già elaborato i RAW a vostro piacimento, e potrete quindi saltare questo step: cliccate su Ok.

Nella schermata successiva dovrete decidere la grandezza del time-lapse: posizionatevi sulla sequenza, cliccate il tasto destro, selezionate “Transform” e decidete come procedere:

  • Se desiderate che il vostro frame riempia lo schermo scegliete “Fit to comp”
  • Se volete che il frame riempia lo schermo ma desiderate che l’aspect-ratio (rapporto tra i lati) del fotogramma non venga modificato, allora scegliete “Fit to comp width”.

Date un’occhiata alla timeline del filmato: vedrete un quadratino colorato con accanto una freccia. Cliccando su di essa comparirà un menù che vi permetterà di modificare liberamente le dimensioni del frame modificando i valori che trovate preimpostati.

Guardate poi sopra alla vostra sequenza, sempre nella timeline del filmato: vedrete una barra grigia con dei selettori arancioni ai margini, simili a delle maniglie: fate in modo che la fine di questa barra coincida con la fine della vostra sequenza.

Ora entrate nelle impostazioni di esportazioni con Ctrl+M o mela+M.

Cliccate sulla scritta color oro che trovate vicino a Output Module, e impostate poi i valori che preferite.

Noi vi suggeriamo di scegliere i seguenti valori:

“Format”: quicktime

Per “Format Option” scegliete

  • Apple Pro res 422 HQ

oppure

  • HDTV 1080p 25 (questi valori dipendono da come avevate impostato la vostra sequenza).

Non vi resta che specificare la posizione del file selezionando “Output to” e cliccare infine sul comando “Render” per iniziare il rendering del vostro timelapse