FRITH, Francis

FRITH, Francis

Francis Frith

Francis Frith iniziò la sua attività come venditore di posate, che abbandonò nel 1850 per diventare un fotografo viaggiatore. Viaggiò in Medio Oriente, durante tre occasioni, portando con sé macchine fotografiche di grandi dimensioni (16 “x 20″), e utilizzando il processo colloidale, che era molto difficoltoso in condizioni così calde e in ambienti così polverosi.

Si trovò a dover affrontare notevoli problemi nei suoi viaggi a causa del clima caldo. In varie occasioni il collodio “bolliva”, colpendo le lastre di vetro. Si racconta che in un’occasione, mentre dormiva in una tomba ai piedi della “Grande Piramide”, dovette lottare “fino all’esasperazione”, per cacciare un branco di cani affamati.

“The Times”, segnalando una delle sue foto, commentò: ” ci porta al di là di tutto ciò che possibile per un’ artista compiuto trasferire su una tela.”

L’immagine che segue mostra una parte del tempio a Luxor, fotografato nel 1870.

Francis Frith

L’opera più famosa di Frith doveva ancora giungere a realizzazione.

Quando terminò i suoi viaggi in Medio Oriente nel 1860 si sposò, si stabilì nel Reigate, Surrey e diede il via ad un progetto colossale – quello di fotografare ogni città e villaggio del Regno Unito, rivolgendo la sua attenzione a quelli con una particolare curiosità storica o un interessante vista. Inizialmente cominciò a scattare le fotografie da solo, ma appena riscosse successo, assunse delle persone per aiutarlo.

Francis Frith

Frith decise di apriere una società che produceva cartoline, un’impresa che divenne tra le più famose attività fotografiche del mondo; nel breve tempo oltre due mila negozi vendevano le sue cartoline.

Suppongo che si possa dire che Frith fosse prevalentemente un viaggiatore, e ciò emerge dalle sue fotografie. Invece di fornire una descrizione geografica nuda e cruda, egli cercava di mostrare cosa significava essere lì, sul posto. Questo è uno dei motivi per cui le sue fotografie sono ancora diffuse.

( 7 ottobre 1822 / 25 Febbraio 1898)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *