Ritratto: sei consigli per fotografare il viso

Ritratto: sei consigli per fotografare il viso

Ritratto: sei consigli per fotografare il viso

Il ritratto è una tecnica fotografica dove il punto focale dell’inquadratura è concentrato sul volto della persona. Sembrerebbe essere una cosa semplice per un fotografo. Dopo tutto, ci si preoccupa spesso solo della faccia delle persone e forse solo di una piccola parte delle spalle. Scherzi a parte, come può essere invece così difficile? Provate a fotografare un amico o la fidanzata e ve ne accorgerete!

I ritratti sono più difficili di quanto si pensi

I ritratti sono un elemento importante per molti dei pacchetti dei book per chi si muove nel mondo delle PR, della moda e dello spettacolo. Un ritratto di ottima qualità farà la differenza, per modelli, attori e altri professionisti, al momento presentarsi e essere scelti. Il vostro ipotetico cliente riuscirà probabilmente a ottenere un ingaggio grazie ad un ritratto per fatto – e naturalmente, ciò comporterà un vantaggio anche per voi.

Ecco quindi alcuni consigli per ottenere il ritratto perfetto. 

Concentrarsi sugli occhi.

Si dice che gli occhi siano lo specchio dell’anima. Pertanto, nulla è più importante di ottenere che il soggetto della vostra foto mostri occhi penetranti e interessanti. Catturare lo sguardo della persona ritratta in modo che risulti “potente” trascinerà il visualizzatore all’ interno della foto, stabilendo una forte connessione tra loro.

Guardare l’angolazione

Ricordate che per gli scatti da vicino, gli angoli di inclinazione della fotocamera (o meglio del piano del suo sensore) rispetto al viso del soggetto incideranno notevolmente sul vostro risultato. Per le donne, fate apparire gli occhi più grandi e il volto più delicato scattando proprio su di essi. Per gli uomini, sottolineare la forza e la realizzazione scattando leggermente verso su.

Utilizzare luce diffusa

Negli scatti da vicino, la pelle viene messa in risalto in maniera sorprendente, con tutte le sue caratteristiche superficiali. È fondamentale quindi mostrare una pelle senza macchie e imperfezioni. Si può ottenere questo risultato usando una luce di tipo diffuso, piuttosto che diretto, in maniera tale che essa vada a contornare delicatamente la pelle, portando la definizione giusta lungo le linee del volto, ma senza evidenziare macchie o imperfezioni. 

Luce sui capelli

I capelli sono un dettaglio critico dei ritratti e anche se l’uso di una luce diretta, posta alle spalle del soggetto e puntata sulla sua capigliatura, non li rende certo più dinamici, sicuramente ne migliora la resa. La luce sui capelli può essere posizionata sopra o dietro al soggetto (anche con l’uso di un flash o sfruttando il sole), e ciò aggiungerà profondità allo scatto e stacchera la parte più alta della testa dallo sfondo.

Gli obiettivi giusti

Non c’è niente di più inquietante di un ritratto quasi perfetto che fallisce poi nella resa finale a causa della distorsione introdotta dell’obiettivo. I grandangolari tendono a allargare la faccia. In generale, è consigliabile, per tutti i ritratti con ripresa ravvicinata, evitare gli obiettivi della fascia che va dalle medie focali (tipo 50mm) ai grandangoli. Utilizzate invece un obiettivo che comprima l’immagine e “sfini” il viso del vostro soggetto – in genere dai 90 mm e oltre. Gli obiettivi preferiti per i ritratti sono gli 85, i 105 e i 135mm.

Suggerire l’espressione

L’elemento finale e più importante delal foto di ritratto è l’espressione del soggetto, che dovrebbe soddisfare lo scopo della foto stessa. Il vostro lavoro di fotografo, più che fare click, è in realtà quello di tirare fuori dal soggetto l’aspetto più naturale e più consono alla bisogna. Cercate di ottenere questo guidandondo la persona che state fotografando; fatelo attraverso domande e discorsi vari. Non lasciatelo nel silenzio, poiché tenderà ad irrigidirsi e andare in tensione; provate invece a porgli una serie di questioni che serviranno a fargli avere uno sguardo riflessivo, o landiate una battuta scherzosa per ottenere un sorriso naturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *