Primi scatti: conoscere la fotocamera

Primi scatti: conoscere la fotocamera

Benvenuti in questo tutorial della serie “Primi scatti”, dedicato esplicitamente a chi si sta avvicinando per la prima volta al mondo della fotografia. Primi scatti proprio inteso come primi passi in questo fantastico mondo creativo.

Nello specifico in questo tutorial andiamo a scoprire la fotocamera, i suoi elementi e i suoi comandi.

Questo tutorial è inteso in senso generico, ossia non rivolto a uno specifico modello o produttore di fotocamere, ma a tutte le reflex e mirrorless in generale. Gli argomenti che affronteremo sono quindi “basi” comuni, che ciascuno dovrà poi andare a localizzare sulla propria fotocamera usando il manuale di istruzioni.

Cosa c’è sulla fotocamera

Partiamo quindi subito esaminando cosa trovate sulla vostra fotocamera.

Alcuni elementi sono grossomodo sempre nella stessa posizione su qualsiasi fotocamera e quindi, per vostra comodità, ve li segnalo con un numero di riferimento sulla foto di un generico modello di fotocamera.

Altri elementi sono invece semplici pulsanti e vanno cercati con il manuale di istruzioni, perché la loro posizione varia da modello a modello, da produttore a produttore.

Prima di iniziare fissiamo alcuni concetti: la parte dietro della fotocamera si chiama dorso, la parte opposta, ossia quella davanti (dove si trova l’obiettivo) si chiama fronte. Abbiamo poi lato destro e sinistro, parte superiore e parte inferiore o fondo.

 

Vediamo prima gli elementi più rilevanti e che hanno una posizione fissa.

Oculare

Si tratta di una specie di finestrella posizionata nella parte alta del dorso, al centro. Avvicinandoci l’occhio si vede la scena che state inquadrando. All’interno, oltre alla scena inquadrata vedrete un display (di solito nella parte inferiore) che vi mostra i dati di scatto principali tra cui ISO, diaframma, tempo e lettura dell’esposimetro.

NOTA – Su alcuni modelli (esempio le Canon reflex) trovate anche una piccolissima rotellina posta al lato dell’oculare: serve a correggere eventuali difetti di vista. Per regolarla ruotatela fino a che non vedete nitidamente il display che appare dentro l’oculare.

Display

Si tratta del piccolo schermo su cui appaiono le immagini del live view, le foto scattate e tutti i menù della fotocamera. In alcune fotocamere è di tipo touch screen (funzione disattivabile). Inoltre può essere di tipo fisso o mobile (ruotabile e inclinabile).

 

 

Pulsante di scatto

Si trova nella parte superiore a destra, nel punto in cui naturalmente finisce il vostro dito indice destro quando impugnate (correttamente) la fotocamera.

NOTA – Il pulsante di scatto ha la particolarità di funzionare in modo particolare: appena lo premete leggermente la fotocamera esce dallo stand-by (di solito vanno in stand-by dopo x secondi di non-uso, per risparmiare la batteria) e attiva lettura esposimetrica e autofocus. Se premete ancora più forte, scatta la foto.

Slitta flash

Si trova nella parte superiore, al centro, proprio sopra l’oculare. Nasce per inserire il flash esterno ma si usa anche per fissare accessori di vario tipo.

Flash incorporato

Non tutte le fotocamere lo possiedono e generalmente è caratteristico delle reflex entry level o fascia amatoriale; manca sempre sulle macchine più avanzate e professionali. Si trova nella parte superiore, al centro, poco più avanti della slitta flash (che esiste sempre, anche se la fotocamera ha il flash incorporato). Lo trovate montato su un meccanismo a scomparsa, che lo nasconde nella cassa della fotocamera quando non viene usato, ed esce fuori a scatto solo quando necessario.

Connettori esterni

Si trovano sul lato sinistro e generalmente comprendono il connettore per lo scatto a distanza (quello col filo per intenderci), una USB, a volte una uscita video composito, un connettore HDMI, un ingresso microfono, etc. Sono protetti e nascosti da una o più coperture di gomma.

Sblocco dell’obiettivo

Lo trovate sul fronte della fotocamera, accanto alla flangia dove si innesta l’obiettivo, solitamente a sinistra. Basta premerlo e ruotare allo stesso tempo l’obiettivo per poterlo sfilare.

 

Elementi con posizione variabile

Sono elementi della fotocamera praticamente universali, ma – per scelte dei produttori o dei progettisti – non si trovano sempre nella stessa posizione.

Interruttore di accensione

Esiste, questo è sicuro. Dove sia non è chiaro. No, scherzi a parte, ovvio che è presente su tutte le fotocamere, ma la sua posizione può variare. Generalmente si trova nella parte superiore, quasi sempre associata al selettore delle modalità di scatto (a rotella), a destra o sinistra. A volte può trovarsi nel dorso.

Pulsanti e “rotelle”

Quelle le vediamo più avanti.

Cosa c’è dentro la fotocamera

In linea di massima quello che sta dentro la fotocamera è affare di tecnici, progettisti e riparatori. Ma ci sono due elementi che ci interessano tantissimo: batteria e scheda di memoria. Sono dentro, ma in realtà ci si accede dall’esterno mediante sportellini.

Batteria

Generalmente si trova nella parte inferiore della fotocamera, protetta appunto da uno sportellino. Su alcuni modelli è invece sul lato destro. Per inserirla non potete sbagliare: i contatti vanno dentro la fotocamera, il lato è obbligato dalla forma della batteria stessa.

Scheda di memoria

Si trova solitamente sul lato destro, a volte nello stesso vano della batteria (se è sul lato invece che sotto). In qualche modello si trova sotto la fotocamera. Come la batteria, anche il vano scheda è protetto da uno sportellino a scatto. Alcune fotocamere di alto livello possono montare due schede di memoria contemporaneamente. Anche per le schede ricordate sempre che i contatti vanno dentro la fotocamera e il lato è obbligato dalla forma della scheda stessa.

Le schede tipo SD (quelle rettangolari) si inseriscono facendole andare fino a fondo corsa nella fessura, quando il meccanismo di blocco a molla scatta e le “imprigiona”. Per estrarle spingetele a fondo un pochino fino a sentire il click del meccanismo che si sblocca; poi la molla interna ve le spingerà fuori quel tanto che basta per poterle afferrare con le dita.

Le schede tipo CF (più grandi delle SD e quadrate) si inseriscono semplicemente a pressione. Per tirarle fuori avete un pulsantino accanto alla fessura della scheda: premetelo (con delicatezza) e la scheda verrà fuori quel tanto che basta per prenderla con le dita ed estrarla.

 

Pulsanti e “rotelle”

Sui pulsanti abbiamo tutti le idee chiare, sulle “rotelle” meglio chiarire che sono “selettori rotanti”. Partiamo da loro:

Selettore rotante della modalità di esposizione

Il principale selettore, che abbiamo già citato, si trova nelle parte superiore (a destra o sinistra) e serve a selezionare la modalità di esposizione. Come forma è abbastanza alto e sporgente; in qualche caso ha un blocco di sicurezza al centro (un pulsantino da premere per poter ruotare il selettore).

Generalmente permette di scegliere tra M, A, S, P ed eventuali vari programmi.

  • · M esposizione manuale
  • · A e S esposizione a priorità di tempo o diaframmi
  • · P esposizione automatica

Nei modelli entry level e amatoriali a volta seleziona anche funzioni come autoscatto e simili.

In alcuni modelli (esempio le Canon 5d) permette anche di selezionare la modalità di scatto in posa B (l’otturatore resta aperto a tempo indeterminato fino a che tenete premuto il pulsante di scatto o quello dello scatto a distanza).

In qualche fotocamera questo selettore serve anche come interruttore di accensione.

Selettore impostazioni

Si trova accanto al pulsante di scatto, nella parte superiore della fotocamera, lato destro. Si presenta come una rotella di gomma zigrinata che emerge dalla fotocamera, a portata di dito. Si aziona, infatti, con lo stesso dito indice con cui si scatta.

Serve a selezionare tempi e/o diaframmi, ma spesso anche altri valori, come ISO, etc.

Selettore rotante posteriore

Si trova sul dorso della fotocamera (solo in alcuni modelli) e serve per moltissimi usi. In alcuni modelli, soprattutto quelli più economici, viene sostituito da un “joystick”. Non pensate a quello dei videogiochi, ovviamente. Si tratta di un gruppo di 5 pulsanti messi a cerchio, 4 sui lati e uno al centro.

Nelle fotocamere più evolute lavora in coppia con l’altro selettore, quello accanto al pulsante di scatto, per selezionare tempi e/o diaframmi.

 

 

Pulsanti

I pulsanti sono tanti, ma alcuni sono presenti su tutte le fotocamere proprio perché comandano funzioni essenziali delle stesse. La loro posizione però varia moltissimo da produttore a produttore, e spesso anche da modello a modello. Per questo dovrete cercarli sul manuale di istruzioni della vostra macchina. Vediamoli.

Pulsante Menù

Serve ad accedere al menù funzioni della fotocamera dove si impostano tutti i parametri e funzioni. Di solito ha la scritta “menù”.

Pulsante vedi immagine

Serve a visualizzare le foto scattate e salvate nella scheda di memoria. Premendolo si passa alla modalità visualizza e poi ci si sposta tra le foto o con un selettore rotante o con i pulsanti del joystick. Come simbolo spesso reca la freccina tipo tasto “play” dei lettori DVD.

Pulsante cancella

Serve sia a cancellare la foto appena scattata e che viene visualizzata dopo lo scatto, sia a cancellare foto presenti sulla scheda quando le rivedete. Di regola ha come simbolo il cestino della spazzatura.

Pulsante ISO

Spesso si trova sopra la fotocamera e permette la rapida modifica del valore ISO. In altri modelli non esiste e la variazione si effettua con altri pulsanti o combinazioni da menù.

Altri pulsanti

Altri pulsanti generalmente presenti sono quelli per la selezione della:

  • modalità di scatto – singolo, raffica, raffica veloce, autoscatto, etc.
  • modalità di lettura esposimetrica – matrix, puntuale, centrata, etc.

Ora tocca a voi. Prendete la vostra fotocamera, il suo manuale di istruzioni e iniziate a cercare e localizzare tutte le sue funzioni. Buon lavoro !